Ricerca:






Il significato del romancio per la popolazione di lingua romancia

Sfondo Solamente 35’095 persone in Svizzera (lo 0,48% della popolazione residente) hanno affermato di utilizzare il romancio come lingua principale. Costituendo una delle quattro lingue nazionali ufficiali ed essendo un elemento importante dell’immagine nazionale, questa lingua minoritaria recessiva viene sostenuta a livello federale e cantonale al fine di garantirne la sopravvivenza. Ciò risulta possibile anche grazie al movimento di salvaguardia della lingua romancia sostenuto da un’élite culturale che si impegna a favore della costruzione ossia del consolidamento di un’identità romancia. In tal modo, avendo constatato un’indifferenza crescente nei confronti del romancio, cerca di contrastarla.

Obiettivo Il presente progetto si propone di analizzare il modo in cui la lingua viene vissuta e sentita dalle persone appartenenti a questo gruppo di locutori di lingua romancia. Con riferimento alle lingue, verranno condotte interviste biografiche (narrative) per individuare le loro esperienze di bilinguismo in una situazione di contatto linguistico asimmetrico tra il romancio e il tedesco. Oltre al ruolo svolto da una data lingua nel percorso biografico e nella vita quotidiana delle persone intervistate, si tratterà di analizzare i fattori corresponsabili di un’identificazione positiva o negativa con il romancio. Particolarmente interessante risulterà in tale contesto il modo di percepire le offerte e le attività finalizzate all’identificazione linguistica delle organizzazioni linguistiche romance.

Significato Nel Grigioni romancio, lo studio dei processi di identificazione e di valutazione legati alla lingua è di rilevanza sociale dal momento che avviene dall’ottica delle persone direttamente interessate. Questa prerogativa permette di analizzare criticamente le misure di politica linguistica finora adottate allo scopo di promuovere la lingua romancia. Così, coordinando meglio gli sforzi compiuti a sostegno del romancio quale una delle quattro lingue nazionali ufficialmente riconosciute dalla Costituzione e impiegando le sovvenzioni in modo più mirato, sarà possibile tenere maggiormente conto delle persone residenti nella regione linguistica romancia.

Risultati Quali sono le esperienze raccolte da persone di madrelingua romancia in merito al tedesco, seconda lingua imprescindibile, nonché ai suoi locatori? Pensando alla propria identità, quale significato attribuiscono alla prima lingua, ossia alla tematica linguistica? In base ad un’analisi di 31 biografie linguistiche condotta tra persone appartenenti al gruppo di locutori di lingua romancia (provenienti da ambienti non accademici), il team di ricercatori di Renata Coray (Università di Zurigo) ha tratto delle conclusioni sul modo di percepire una lingua nonché sui processi di identificazione linguistica. Pur stimando molto il romancio come prima lingua, alla quale vengono associati sentimenti ed esperienze assolutamente positivi, il gruppo di locutori di lingua romancia assume nella maggior parte dei casi un atteggiamento prammatico preferendo talvolta comunicare in tedesco. Il fatto che i provvedimenti finalizzati al sostegno della lingua come p.es. le iscrizioni effettuate unicamente in romancio, il romancio come lingua scritta comune, un quotidiano romancio oppure feste volte a promuovere l’identità non siano in grado di suscitare un forte entusiasmo nelle persone interrogate, potrebbe fornire suggerimenti utili per i rispettivi adeguamenti dei provvedimenti di politica linguistica e di sostegno della lingua.

Dr. Renata Coray
Romanisches Seminar
Universität Zürich
+41 44 388 70 54
coray@rom.unizh.ch

Dokumente:

  Rapporto finale (tedesco) (611KB) 26.02.2009    öffnen >
  Pubblicazioni scientifiche nell’ambito del PNR 56 (155KB) 03.11.2010    öffnen >

Indietro