Ricerca:






Quali sono i vantaggi dell’insegnamento bilingue al livello secondario II?

Sfondo La Confederazione riconosce l’attestato di maturità bilingue attribuita da un Cantone, se per l’insegnamento di almeno due materie di maturità viene utilizzata la lingua seconda e se il numero totale delle lezioni equivale al minimo a 600 ore. Attualmente, più di 60 ginnasi in 17 Cantoni conferiscono attestati di maturità con la menzione «bilingue». Nella Svizzera tedesca la lingua seconda utilizzata più frequentemente è l’inglese, nella Svizzera occidentale invece la lingua nazionale tedesca. Tuttavia, in Svizzera metodi di riferimento scientifico come la riflessione oppure una ricerca empirica riguardante l’insegnamento e l’apprendimento bilingue al livello secondario II erano finora praticamente inesistenti.

Obiettivo Il presente progetto si propone di verificare l’ipotesi secondo cui sarebbero in primo luogo le capacità ricettive (comprensione di testi orali e di testi scritti) ad approfittare dell’insegnamento per immersione. Inoltre verranno analizzati gli eventuali rischi risultanti dall’uso di una lingua straniera come lingua di lavoro cercando di rispondere alle seguenti domande: il lessico specialistico nella madrelingua rivela eventuali carenze, oppure le conoscenze riguardanti una materia specifica sono insufficienti? Dal progetto risulteranno raccomandazioni concernenti la prassi didattica e le modalità di concessione. Le analisi serviranno a definire le condizioni quadro, le modalità didattiche per l’insegnamento bilingue e il profilo dell’insegnante «ideale».

Significato Il marchio «maturità bilingue» è divenuto al giorno d’oggi un argomento di marketing per il posizionamento dei ginnasi. Questa innovazione pedagogica richiede un notevole contributo finanziaro da parte della mano pubblica. I risultati degli esperimenti attualmente in corso potranno essere ancorati definitivamente solo se viene garantito un vantaggio reale dell’insegnamento per immersione. A tal fine verranno confrontati nel quadro del progetto i vantaggi e i rischi dell’insegnamento e dell’apprendimento bilingue indicando le eventuali possibilità di ottimizzazione della prassi attualmente adottata. I risultati potranno servire da orientamento per l’insegnamento bilingue specialistico (raccomandazioni, sequenze delle lezioni, registrazioni video ecc.) ed essere di particolare utilità per la formazione continua degli insegnanti.

Risultati L’introduzione dell’insegnamento bilingue nei ginnasi svizzeri un decennio fa sollevò molte emozioni che andarono dall’entusiasmo all’indifferenza e dallo scetticismo fino al rifiuto. Per mezzo di test sulla competenza linguistica e tramite l’osservazione dell’insegnamento nonché la conduzione di interviste ai docenti, il gruppo di ricercatori di Anton Näf (Università di Neuchâtel) ha effettuato durante un periodo di tre anni rilevamenti scientifici concernenti la pratica e i risultati di questa nuova forma d’insegnamento. Al termine della formazione, le classi bilingue dispongono di una competenza linguistica più elevata, in particolare per quanto riguarda la comprensione dell’ascolto e della lettura. Tuttavia, queste classi avevano dimostrato già all’inizio del ginnasio di possedere conoscenze più ampie rispetto alle classi parallele regolari. In totale, i docenti giudicano positivamente l’insegnamento per immersione. La discrepanza tra le conoscenze specialistiche degli allievi e le loro possibilità linguistiche pone esigenze particolari all’elaborazione del materiale didattico per permettere in tal modo un ancoraggio più duraturo delle conoscenze acquisite. Le raccomandazioni indirizzate in particolare ai docenti nonché ai responsabili della formazione verranno formulate in base ai risultati ottenuti da questo sondaggio complesso.

Prof. Dr. Anton Näf
Institut de langue et littérature allemandes
Faculté des lettres et sciences humaines, Université de Neuchâtel
+41 32 718 18 48
anton.naf@unine.ch

Dokumente:

  La maturité bilingue en Suisse, Daniel Elmiger et Anton Näf, Le Secrétariat d'Etat à l'éducation et à la recherche (SER) (francese) (1470KB) 19.03.2008    öffnen >
  Die zweisprachige Maturität in der Schweiz, Daniel Elmiger und Anton Näf, Staatssekretariat für Bildung und Forschung (SBF) (tedesco) (1643KB) 19.03.2008    öffnen >
  Rapporto finale (tedesco) (434KB) 26.02.2009    öffnen >
  Rapporto finale (francese) (466KB) 17.03.2009    öffnen >
  Poster (tedesco) (191KB) 29.06.2009    öffnen >
  Pubblicazioni scientifiche nell’ambito del PNR 56 (168KB) 03.11.2010    öffnen >

Indietro