Ricerca:






Come si impara ad organizzare un discorso in una lingua straniera?

Sfondo Discutere con un’altra persona, difendere il proprio punto di vista, affrontare un problema e risolverlo in modo positivo oppure acquisire insieme ad altri nuove conoscenze – tutto ciò richiede la capacità di padroneggiare l’organizzazione del discorso. Finora le competenze orali, soprattutto per quanto riguarda l’interazione comunicativa, sono state analizzate solo in modo insufficiente. Del resto non esistono praticamente criteri per la valutazione dell’organizzazione del discorso.

Obiettivo Il presente progetto si propone di studiare il modo in cui gli allievi comunicano tra di loro sia nella lingua prima che nella lingua seconda. A tal fine verranno analizzate le interazioni nelle lezioni di francese al livello secondario I e II nella Romandia e nella Svizzera tedesca. Il progetto persegue i seguenti tre obiettivi: esaminare le competenze degli allievi nell’organizzazione del discorso; verificare le condizioni in cui vengono acquisite queste competenze; sviluppare in base a quest’analisi i criteri atti alla valutazione dell’organizzazione del discorso.

Significato Il progetto intende trovare una risposta alle domande centrali riguardanti l’insegnamento delle lingue e la ricerca in materia di acquisizione delle competenze linguistiche. Da un lato fornirà un contributo alla discussione attuale sulla definizione di criteri e di standard di riferimento per la valutazione delle competenze orali degli allievi. E dall’altro presenterà delle proposte di ottimizzazione dell’insegnamento linguistico nella scuola. Inoltre, i risultati concernenti i principi finora poco studiati che regolano l’organizzazione del discorso nella lingua prima e nella lingua seconda saranno importanti per la ricerca fondamentale.

Risultati Prendere la parola nel corso di una discussione, argomentare, difendere il proprio punto di vista oppure chiarire eventuali malintesi – l’agire in tal senso presuppone il possesso di competenze discorsive raffinate. Il gruppo di ricercatori di Simona Pekarek Doehler (Università di Neuchâtel) ha condotto delle analisi sull’insegnamento del francese nella prima lingua e nella lingua straniera con l’obiettivo di comprendere meglio le diverse componenti delle competenze discorsive. Inoltre, si è trattato di identificare le attività svolte nell’ambito della classe, particolarmente adatte a promuovere lo sviluppo di queste competenze. I risultati dello studio dimostrano che le condizioni favorevoli per lo sviluppo di competenze discorsive si creano non appena i docenti offrono agli allievi la possibilità di uscire dal ruolo di coloro ai quali spetta unicamente il compito di rispondere, permettendo loro di contribuire attivamente alla scelta dei temi e allo svolgimento della discussione, di partecipare al dibattito ecc. In particolare si sono rivelati produttivi in tal senso, i lavori di gruppo effettuati al livello secondario I nonché le discussioni e i dibattiti al livello secondario II. Il rapporto finale contiene inoltre le indicazioni su come valutare la competenza discorsiva.

Prof. Dr. Simona Pekarek Doehler
Institut des Sciences du Langage et de la Communication
Faculté des lettres et sciences humaines, Université de Neuchâtel
+41 32 718 18 34
simona.pekarek@unine.ch

Jean-François De Pietro
Institut de recherche et de documentation pédagogique, Neuchâtel
+41 32 889 69 70
Jean-Francois.DePietro@irdp.ch

 

Dokumente:

  Rapporto finale (francese) (526KB) 28.04.2011    öffnen >
  Poster (francese) (162KB) 29.06.2009    öffnen >
  Pubblicazioni scientifiche nell’ambito del PNR 56 (189KB) 03.11.2010    öffnen >

Indietro